23 ottobre 2011

SPELLS di Aprilyne Pike

Titolo: Spells
Autore: Aprilynne Pike
Casa Editrice: Sperling & Kupfer
Prezzo: 17.90
Pagine: 335
ISBN: 978-88-200-5007-8

TRAMA
Spells, di Aprilynne Pike, è il seguito di Wings e il secondo volume della serie urban fantasy romantico-avventurosa YA sulle fate omonima.
Nel primo volume avevamo fatto la conoscenza di Laurel, adolescente californiana che, a un certo punto, aveva scoperto non solo di non essere umana bensì una fata, ma addirittura di appartenere a una… specie diversa.
Mentre la storia della ragazza procedeva, erano entrati in scena David, l’umano, l’amante della scienza, che l’aveva aiutata a capire la sua particolarità genetica, e Tamani, l’essere fatato, che le aveva spiegato chi era, perchè era stata inviata tra gli umani, qual era il suo vitale compito e chi erano i nemici da cui le fate cercavano di difendersi, impedendo l’ingresso nel loro mondo.
Un mondo che, chi ha familiarità con le leggende arturiane o… con Marion Zimmer Bradley, conoscerà certamente. Si tratta di Avalon. Un regno magico al di là del nostro, il cui cancello d’accesso, nella saga della Pike, è posizionato proprio nella proprietà della famiglia (adottiva) di Laurel; cancello che, in Wings, si era trovato in serio pericolo a causa delle intenzioni di vendita da parte dei genitori della ragazza a troll sotto mentite spoglie, i nemici delle fate.
Dopo le vicende che avevano modificato i piani delle malvagie creature e avevano visto nascere le relazioni con David e Tamani, la vita, per Laurel, si apprestava a tornare normale. Con un David felicemente fidanzato con lei e un Tamani - da sempre innamorato - in speranzosa attesa.
Spells, sei mesi dopo gli eventi di Wings, vede la nostra eroina non umana-ma-allevata-come-tale alle prese con la magia. Per imparare a difendersi dai troll, che minacciano sia la vita umana - sua e della sua famiglia - sia quella fatata, Laurel passerà, infatti, le 8 settimane di vacanze estive ad Avalon, all’Accademia di Magia, dove re-imparerà a usare gli incantesimi che sono propri di una fata d’Autunno come lei (pozioni, tonici ed elisir con proprietà soprannaturali) e che le erano stati cancellati dalla memoria insieme al ricordo di tutto ciò che riguardava Avalon.
Ma mentre Laurel si riapproprierà di questi arcani segreti (essendo ricordata da tutti, ma non ricordando nessuno), passerà molto tempo anche con Tamani, che le mostrerà Avalon (la Pike fa un bel lavoro di world-building), la sua bellezza, le sue tradizioni, i metodi di funzionamento di quella società (davvero classista… Tamani, fata di Primavera, socialmente poco prestigiosa, dovrebbe inchinarsi a lei e camminarle dietro di alcuni passi!), ma anche il suo stesso passato. E i legami tra i due, ovviamente, si rafforzeranno.
Quando il soggiorno ad Avalon sarà finito, Laurel tornerà a casa. E molte cose succederanno; ad esempio assisteremo all’attacco da parte dei troll, all’entrata in scena di una misteriosa cacciatrice, ma anche alla difficoltà di Laurel di far convivere i due mondi nella propria vita, associata al timore di non essere accettata dalla sua famiglia umana per quello che è.
Dopo un nuovo soggiorno ad Avalon per la festa di Shamain - in cui Tamani farà la sua mossa e le darà un disperato ultimatum - a Laurel si imporrà una scelta tra il mondo delle fate e quello umano, tra l’intenso e devoto Tamani e il dolce David (un po’ meno dolce e più “sbaciucchioso” e più “macho”… avrà anche una pistola). Cosa farà? Come scioglierà questo (ben costruito) triangolo amoroso?
(Non dimenticate, comunque, che mancano ancora due libri alla conclusione della saga…).













Serie Wings (ragazzi/YA)
1. Wings, 2009 (Wings, 2010)
2. Spells, 2010 (Spells, 2011)
3. Illusions (previsto, in America, per maggio 2011)
4. romanzo finale, a seguire

LA MIA RECENSIONE
In questo secondo capitolo della saga ritroviamo Laurel, David e Tamani, i protagonosti dell'eterno tringolo che troviamo in quasi ogni libro d'amore che si rispetti. La nostra fatina, passa le vacanze estive ad Avalon dove dovrà re-imparare tutto quello che una fata d'autunno deve sapere. Tra una settimana di studio e l'altra Laurel vedendosi con Tamani, quasi dimentica il suo fidanzato, David, che l'aspetta a casa, dando anche una buona dose di false speranze all'amico, da sempre innamorato di lei.
Però così com'è arrivata Laurel se ne va, tornando alla sua vita, nella sua casa con la sua famiglia e i suoi amici.  la parte centrale del romanzo prosegue monotamente tra una lezione e l'altra e i vari sbaciucchiamenti con David che ha preso ad andare in palestra, illudendosi che con qualche muscolo in più possa davvero proteggiere la sua ragazza dai troll.
Poi, una sera, quando Laurel è in piena fioritura i troll sferrano il loro primo attacco dopo sei mesi di apparente quiete. Per i due ragazzi sarebbe stata la fine se una donna armata di una Glock diciotto (una pistola automatica) non fosse intervenuta uccidendo i mostri. Non sappiamo se poterci fidare di lei ma sta di fatto che per ben due volte salva la vita dei nostri protagonisti.
Inoltre ... colpo di scena: finalmente Tamani decide di dichiarare apertamente il suo amore a Laurel che però è decisa a non lasciare il suo ragazzo e chiede al ragazzo di non vedersi più. Personalmente tifo per Tamani e mancano ancora due libri alla conclusione della saga: tutto può succedere!
Solo negli ultimi capitoli la storia si fa più movimentata con il ritorno di Barnes (ve lo ricordate?) che rapisce Chelsea per scopire dov'è situato il cancello per Avalon.
Ho sicuramnte preferito il primo capitolo ma chi cerca una lettura rilassante questo libro (così come wings) è perfetto.





Nessun commento:

Posta un commento