25 aprile 2012

Speciale TRILOGIA HUNGER GAMES di Suzanne Collins

Ciao a tutti! Oggi vi presento la serie di Hunger Games. 
I primi due libri mi hanno letteralmente fatto impazzire, tanto che prima di rimettermi a leggere un altro libro ho dovuto aspettare qualche giorno per metabolizzare quello che avevo letto.
Visto che ho letto tutti e due i libri e che mi sono piaciuti in ugual modo vi posterò le trame dei primi due capitoli con in mio commento conclusivo e poi un'anteprima dell'ultimo, super-attesissimo capitolo della trilogia: IL CANTO DELLA RIVOLTA.


HUNGER GAMES
hunger games_suzanne_collins_italia_mondadori
Dopo immani disastri, il Nord America è stato distrutto. Sulle sue ceneri è nato lo stato di Panem, composto da 13 distretti, governati da Capitol City
Inizialmente la capitale assicura prosperità a tutta la nazione. Ma i distretti più poveri si ribellano e Capitol City li sconfigge, distruggendo il  tredicesimo distretto. Come punizione per questa ribellione, da 70 anni, ogni anno, un ragazzo e una ragazza tra i 12 e i 18 anni, appartenenti ai 12 distretti rimasti, vengono scelti attraverso una brutale lotteria e obbligati a partecipare agli  Hunger Games, un evento televisivo (un reality show) in cui i partecipanti, altrimenti detti “tributi”, sono gettati in una vasta arena all’aperto e costretti a sopravvivere per alcune settimane. E visto che ne resterà soltanto uno, l’unica speranza di uscirne vivi è… uccidere tutti gli altri.

Il romanzo, che è un ottimo mix di fantascienza, avventura, horror, action e romance, “impregnato” di suspence e pathos, segue le vicende della sedicenne Katniss Everdeen, che si offre come “gladiatrice” al posto della sorellina, selezionata dalla lotteria, e di Peeta Mellark, un ragazzo della sua scuola, che aveva aiutato la famiglia di Katniss quando questa non aveva più cibo per sopravvivere. Il distretto da cui provengono, infatti, è il dodicesimo, quello dei minatori, uno dei più poveri. Quando i ragazzi vengono portati a Capitol City per la presentazione ufficiale, Peeta rivela in diretta il suo amore per Katniss, la quale, però, ritiene che la notizia shock abbia il solo scopo di ingraziarsi i telespettatori. E questo perchè, durante il reality show, gli sponsor, affinchè il loro favorito possa vincere (e quindi sopravvivere), possono mandare regali di ogni genere. Il gioco inizia. E già nella prima ora 11 ragazzi, su 24, vengono brutalmente uccisi. Più il tempo passa e più i morti aumentano. Ma Katniss e Peeta continuano a sopravvivere. E visto che il pubblico pare essere colpito da quest’idea del “tragico amore”, all’improvviso le regole del gioco subiscono un cambiamento. Ma sarà davvero per aiutare i due giovani o si rivelerà essere solo una trovata degli strateghi per aumentare l'azione nel gioco?

LA RAGAZZA DI FUOCO 
-consiglio a chi non avesse ancora letto il primo romanzo di non leggere la trama per evitare spoiler.-

La_ragazza_di_fuoco_collins_hunger_games
Ne La Ragazza di Fuoco, per riprendere in mano la situazione dopo la vittoria di Katniss e Peeta negli Hunger games non proprio gradita dalle alte cariche, Capitol City, dopo alcune minacce dirette del Presidente Snow a Katniss e il Tour della Vittoria nei Distretti, indice un’edizione straordinaria degli Hunger Games. Questa volta però, i Tributi, saranno tutti ex-vincitori! Compresi, quindi, Katniss e Peeta. E questa volta il vincitore potrà essere uno solo...

Durante i Giochi, Katniss e Peeta si alleeranno ad altri vincitori, delle più disparate età questa volta. Ci saranno strategie, morti, disperazione, sentimenti. Ma la parte finale prenderà un percorso del tutto nuovo, rispetto ai Giochi passati, che avrà a che fare con una fuga di gruppo, una terrificante vendetta di “stato”, un rincongiungimento, una separazione, una cattura… e il Distretto 13, quello che si supponeva non esistesse più da circa 70 anni, dopo la sua distruzione ad opera di Capitol City…
Si preparano grandi cambiamenti per i protagonisti e per lo stato di Panem, nel terzo libro, Il  canto della rivolta...

Il mio commento
Posso solo scrivere cose positive su questi primi due capitoli. 
La trama è avvincente, la scrittura scorrevole e per niente banale, i personaggi si fanno amare: la Collins riesce a trasportarti nel mondo del Distretto 12 così come nell'arena dove partecipare attivamente nei panni di Katniss è d'obbligo! 
Per quanto riguarda le storia d'amore, non temete. Sia nel primo che nel secondo romanzo un pizzico di romance  addolcisce il contesto drammatico in cui ci troviamo.
Nel primo romanzo i protagonisti di una discutibile "storia d'amore" sono Katniss e Peeta ma nel secondo romanzo entra in gioco anche Gale, amico di caccia dalla ragazza che si rosicchia uno spazzicino nella storia (nel primo romanzo ci viene presentato indirettamente attraverso i ricordi di Katniss).
Tralasciando le storie romantiche ( sono curiosissima di sapere chi sceglierà la nostra eroina) la fine de la ragazza di fuoco ci lascia col fiato sospeso a brancolare nel buio in un mare di incertezze che potranno essere risolte solo con l'uscita dell'ultimo libro (prevista per il 15 maggio 2012).
Che altro dire... io mi sono innamorata di questa serie, domani (26\04) andrò a vedere l'anteprima italiana del film (speriamo di non rimanere delusa!!!!!) e se potessi mi comprerei gli attori protagonisti per tenerli a casa con me! 
Consiglio a tutti di leggere questi romanzi anche perchè non sono l'unica a cui sono piaciuti: i libri sono stati tradotti in tantissimi paesi e il film è nelle sale di tutto il mondo (a Praga, quando ci sono stata a fine marzo, Hunger games era già nelle sale).

Ora come promesso ecco l'anteprima dell'ultimo libro:
IL CANTO DELLA RIVOLTA
Non vi posterò la recensione perchè quella che gira sul web non mi sembra per niente giusta ma per voi farò qualcosa di più! Vi posterò le prime righe del primo capitolo. Inoltre vi annuncio che dal 27 di questo mese in edicola Best movie pubblicherà le prime 3 pagine del primo capitolo del canto della rivolta.                                                                            “Mi guardo le scarpe e osservo il sottile strato di cenere che si deposita sulla pelle logora. Qui è dove c’era il letto che dividevo con mia sorella Prim. Laggiù c’era il tavolo di cucina. I mattoni del camino, crollati in un mucchio carbonizzato, fanno da punto di riferimento per il resto della casa. Come potrei orientarmi altrimenti, in questo mare di grigio? Non rimane quasi nulla del Distretto 12. Un mese fa, le bombe incendiarie di Capitol City hanno distrutto le misere casupole dei minatori di carbone del Giacimento, i negozi della città, persino il Palazzo di Giustizia. Solo la zona del Villaggio dei Vincitori è scampata all’incenerimento, non so bene per quale motivo. Forse perché chi è costretto a venire qui in rappresentanza per conto di Capitol City abbia un posto piacevole in cui stare. L’occasionale giornalista. Una commissione incaricata di valutare le condizioni delle miniere di carbone. Una squadra di Pacificatori in cerca di profughi che ritornano. Ma non ritornerà nessuno, a parte me. E anch’io sono qui solo per una breve visita. Le autorità del Distretto 13 erano contrarie al mio ritorno. Lo consideravano un azzardo costoso e inutile, dato che almeno una dozzina di invisibili hovercraft volteggia sopra la mia testa per proteggermi e non ci sono informazioni da ottenere. Però io dovevo vedere con i miei occhi, al punto che l’ho posto come condizione per la mia collaborazione a qualunque loro piano. Alla fine, Plutarch Heavensbee, il capo degli Strateghi che aveva guidato i ribelli di Capitol City, si è dovuto arrendere. — Lasciatela andare. Meglio sprecare un giorno piuttosto che un mese. Forse un piccolo tour al Distretto 12 è quello che le serve per convincersi che siamo dalla stessa parte. La stessa parte. Un dolore mi trafigge la tempia sinistra e vi premo contro la mano. Proprio nel punto in cui Johanna Mason mi ha colpito con la spoletta di filo metallico. I ricordi vorticano mentre cerco di capire cosa è vero e cosa è falso. Quale successione di eventi mi ha portato a ritrovarmi qui, fra le rovine della mia città? È difficile, perché gli effetti della commozione cerebrale che Johanna mi ha regalato non sono svaniti del tutto e i miei pensieri tendono ancora a confondersi. Come se non bastasse, i farmaci che usano per tenere sotto controllo i miei dolori e il mio umore a volte mi fanno vedere cose strane. Credo. Non sono ancora persuasa di avere avuto delle allucinazioni la notte in cui il pavimento della mia stanza d’ospedale si è trasformato in un tappeto di serpenti che si contorcevano. Uso la tecnica che mi ha consigliato uno dei dottori. Inizio dalle cose più semplici che so essere vere e procedo fino a quelle più complicate. L’elenco comincia a srotolarsi nella mia testa… Mi chiamo Katniss Everdeen. Ho diciassette anni. [...]”

***
Cosa ne dite? sono stata abbastanza esaustiva in questo speciale?
E voi cosa ne pensate del fenomeno Hunger games?





3 commenti:

  1. Ciao!Anch'io ho amato questi due libri!Li ho divorati in pochi giorni uno dopo l'altro,e ora non vedo l'ora che esca l'ultimo volume della serie,sono curiosissima di sapere come andrà a finire la storia!

    RispondiElimina
  2. Divorati tutti e tre nel giro di una settimana... bellissimi, l'ultimo molto crudo ed angosciante. Il migliore per me rimane il secondo.

    RispondiElimina