20 luglio 2012

Recensione LA DETECTIVE Passeggiata nel vuoto di Y S Lee

Trama
1859. Le ombre del crepuscolo guadagnano spazio nel cielo di Londra. E le file di tegole ordinate nascondono alla vista il corpo che si è appena schiantato a terra... Un muratore muore in circostanze misteriose, precipitando dalla Torre dell'Orologio, ancora in costruzione. E la Miss Scrimshaw's Academy for Girls, agenzia d'investigazioni private al femminile, affida all'ex ragazza di strada Mary Quinn un secondo caso su cui indagare. I giornali riferiscono di un'antica maledizione abbattutasi sul cantiere, ma a una vera detective interessano le prove. Mary si travestirà da apprendista operaio per agire indisturbata. Tornerà indietro nel tempo, a quando era una bambina che aveva per madre la solitudine e per padre la povertà. A quando era disposta a tutto, anche a vestirsi da ragazzo per rubare qualcosa da mangiare. Non è facile però ingannare chi ti vede con gli occhi dell'amore...



La mia recensione
Londra, 1859. Un anno dopo la prima missione da detective nell'agenzia d'investigazioni Miss Scrimshaw's Academy for Girls, una nuovo caso è stato affidato a Mary Quinn una giovane ragazza con un passato da ladra: travestirsi da ragazzino e andare a lavorare nel cantiere della Torre dell'Orologio per scoprire la verità riguardo la morte di un muratore e i continui ritardi nella conclusione di lavori.
Anche se per Mary accettare l'incarico vorrebbe dire confrontarsi a quattr' occhi con il suo passato, la ragazza non si lascia sopraffare dalle emozioni e inizia così la sua vita da Mark Quinn, garzone nel cantiere più chiacchierato della città.
Vivere direttamente la vita che avresti potuto avere se i tuoi genitori non fossero morti è più duro di quanto Mary credesse e con il ritorno in città di James nascondere le sue angosce e le sue paure non è più così semplice.


Questo secondo capitolo della saga dedicata a Mary Quinn è stato più noioso rispetto al primo. Pur essendo un romanzo di spionaggio che potrebbe lasciare spazio a molte scene d'azione nel romanzo ne troviamo solo una, nel finale, in cui l'autrice riesce per qualche paragrafo a farci trepidare. Per il resto il romanzo è stato talmente piatto che (mi fa male ammetterlo) ho saltato spesso interi paragrafi di descrizioni o monologhi interiori della protagonista.
Non voglio però in nessun modo sminuire la storia che comunque è molto carina e piena di aspettative riguardanti la relazione più-che-amichevole di Mary e James che anche in questo romanzo si ritroveranno a collaborare per risolvere il caso.
Nemmeno però la storia d'amore ha trovato il suo giusto spazio e spero che nel prossimo capitolo, che probabilmente leggeremo verso metà 2013, ogni cosa si sistemi nel modo migliore; posso anticiparvi che nel prossimo caso Mary si ritroverà a lavorare per la Famiglia Reale!
Voto:1\2

2 commenti:

  1. Proverò a leggerlo per farmi una mia opinione!!!

    RispondiElimina
  2. Non conoscevo questa serie,penso che la leggerò anch'io per farmi un'idea visto che la trama è molto carina :)

    RispondiElimina