26 luglio 2012

Recensione LADRA DI SANGUE di Cherie Priest

Ho finito di leggere Ladra di sangue (edito dalla Tre60) poco fa ed ecco la mia recensione.

Raylene è una vampira che per guadagnarsi da vivere fa la ladra, ovvero accetta furti su commissione e quasi mai per conto di altri vampiri. 
Ma naturalmente in questo romanzo seguiremo un caso commissionato proprio da un vampiro, Ian: vittima di una serie di esperimenti del governo americano (facenti parte di chiamato progetto Bloodshot), pur essendo riuscito a scappare dalla base dove avvenivano gli esperimenti la sua vita non è più la stessa, infatti ora è cieco e ha bisogno di Raylene per ritrovare i documenti degli esperimenti condotti su di lui per poter risalire alla causa della sua mutilazione e poter tentare di ritornare a vedere grazie ad un medico canadese che si è offerto di aiutarlo. 
Nei primi capitoli Raylene si racconta, snocciolando i suoi vari difetti (fra cui miliardi di paranoie) e anche qualche pregio! 
Dopo aver analizzato tutti i documenti, una sorta di piano si fa strada nella mente della vampira e allora inizia l'azione: ricognizioni in vari uffici, furti di documenti (non senza spargimenti di sangue) frenetiche e paranoiche fughe e incontri inaspettati.
Proprio uno di questi incontri aiuterà Raylene a portare a termine la missione: Sister Rose una sexy drag queen che a causa del progetto Bloodshot ha perso la sorella. 


Questo romanzo è un'ottima lettura per tutti gli amanti del genere Thriller ma badate bene dell'urban fantasy (nel senso classico) c'è poco. Per quanto mi riguarda questa è stata una lettura piacevole ma non entusiasmante e la protagonista, bèh non si può dire che sia la mia preferita, molte scelte che ha fatto non le ho condivise e per la maggior parte dei casi i casini se li è creati da sola per poi farsi mille paranoie su come venirne fuori: e non sono l'unica a pensarlo anche Sister Rose in borghese (vero nome Adrian deJesus) verso la fine del romanzo glie lo ha fatto notare. 
Comunque è un romanzo che consiglio a tutti coloro che amano l'azione, ce n'è davvero tanta!

Un'altro appunto che devo fare non è sul romanzo ma sul titolo scelto dalla casa editrice: trovo che cambiarlo in questo caso sia stato inutile in quanto il titolo originale (Bloodshot) indicava il nome dell'operazione su cui Raylene sta indagando e per cui più che esplicativo nei confronti del romanzo; ladra di sangue non vuol dire nulla. 


Il lato romance della trama emerge solo nelle ultime pagine e credo (spero) verrà sviluppato nel secondo romanzo, Hellbent già edito in patria. 
Non ci resta che aspettare il seguito, sperando che mi piaccia di più. 

Voto: 

2 commenti:

  1. Sembra interessante è il mio genere =)

    RispondiElimina
  2. spero esca in italia il seguito (hellbent), abbastanza velocemente.ladra di sangue ( titolo non proprio azzeccato x la reale trama del libro),è una storia affascinante e diversa, il lato "umano" di Raylene,è interessante.
    buona lettura.

    RispondiElimina