16 dicembre 2012

Recensione NEVER SKY. Sotto un cielo selvaggio di Veronica Rossi

Ho finito di leggere questo FAVOLOSO romanzo! 
L'unica cosa negativa che posso dire è che è finito fin troppo presto, fosse per me l'avrei fatto durare all'infinito o in alternativa sarebbe stato meraviglioso avere già il secondo romanzo della serie o il prequel dedicato a Roar e Liv a portata di mano.

L'autrice ci catapulta fin dalla prima pagina in un mondo nuovo   , a noi completamente sconosciuto, e il primo impatto è proprio quello di estraneità e perplessità. Pagina dopo pagina tutto ci appare più chiaro e magnetico.
Se ancora non vi siete procurati una copia di questo romanzo fatelo ora, immediatamente! non ve ne pentirete.

In un mondo futuro il cielo è pervaso dall'Etere, è un cielo violento che a causa di questa sostanza scatena tempeste che seminano morte e distruzione, l'unico modo di vivere al sicuro è quello di abitare nelle biosfere: città protette e barricate, ipertecnologiche.
 Gli abitanti delle biosfere utilizzano l'Iride, una specie di membrana applicata all'occhio sinistro, per fare tutto ciò che vogliono e per viaggiare in luoghi di tutti i tipi. L'Iride riesce, attraverso stimoli al cervello, a catapultarci ovunque noi vogliamo: in un teatro, in un'arena di gladiatori, boschi ricreando le sensazioni di tutti i cinque sensi.
Aria vive nella biosfera Reverie con sua madre, ha una voce meravigliosa e degli amici con cui  avventurarsi infiniti mondi virtuali e quando sua madre si trasferisce in un altra biosfera, a causa del suo lavoro, l'unico modo che Aria ha  per vederla è attraverso i Reami. Tutto ad un tratto però la ragazza non riesce a mettersi in contatto con la madre; preoccupata per le sue sorti, Aria decide di scoprire cosa le è successo cercando di carpire delle informazioni top secret da Soren, il figlio di uno dei Consoli della biosfera. 
Insieme a lui, alla sua migliore amica Pais e ad altri due ragazzi, decidono di introdursi in un'ala della biosfera danneggiata da una tempesta di Etere, par farlo sarà necessario spegnere gli Iridi e quindi Aria potrà chiedere a Soren informazioni senza che nessuno la scopra. 
Il piano della ragazza però non procede come sperato: una volta disattivati gli Iridi, Soren e i suoi amici sembrano impazzire e decidono di accendere un fuoco vero all'interno di un boschetto. Il fuoco fuori controllo si propaga e solo Soren e Aria riescono a sopravvivere. 
In realtà Aria viene tratta in salvo da un Outsider.

Perry si era avvicinato a Reverie solo per cercare delle medicine per il suo nipotino malato ma quando vede che un ragazzo robusto all'interno della biosfera sta per fare del male ad una ragazza decide di intervenire e a trarre in salvo la Stanziale. Qualcosa in lei lo aveva colpito ma si era quasi subito pentito della sua incursione nella biosfera.
Senza medicine ma con una mela da regalare a Talon, suo nipote, decide di tornare a casa nella tribù delle Maree. 
Mentre però sta cacciando insieme a lui, una navicella fa sbarcare degli Stanziali vicino a loro: gli uomini cercano di ucciderlo ma non riuscendoci rapiscono Talon.
Perry torna distrutto al villaggio teso per il confronto che dovrà avere con il fratello ma quando questo si rifiuta di partire alla ricerca del figlio per il bene di tutta la tribù (di cui lui è il Signore di Sangue, ovvero il capo), il ragazzo parte da solo alla ricerca del nipote.

Nel frattempo a Reverie, Aria viene ingiustamente accusata di aver fatto entrare un Outsider nella biosfera e cacciata dalla biosfera. 
Sola in un deserto all'esterno della biosfera in quella che è chiamata Fucina della Morte, la ragazza è convinta di morire.
Un aiuto inaspettato le salverà la vita.

Perry e Aria decidono di fare un patto: Perry aiuterà Aria ad aggiustare il suo Iride per contattare sua madre per avere notizie di Talon.

Inizia così un viaggio pieno di eventi inaspettati: i due ragazzi inizieranno a conoscersi meglio e a superare i pregiudizi verso l'altro. In questa loro avventura Aria scoprirà sensazioni mai provate prima e si dovrà mettere in discussione più di una volta. 
Nuove emozioni si affacceranno anche nel cuore di Perry ...

Coinvolgente, favoloso, fantastico, magnifico avete bisogni di altri aggettivi per fare un pensierino su questo romanzo?? 
Come ho già detto prima questo libro mi ha stregato e completamente conquistato. Never Sky è uno di quei romanzi che riesce a tenerci incollati alle pagine e a farci maledire tutti gli impegni o gli imprevisti che non ci permettono di andare avanti con la lettura.
I personaggi sono ben caratterizzati e la scelta di dividere i capitoli con i punti di vista dei due protagonisti fa si che, grazie alla loro visione e percezione del mondo, riusciamo a capirli meglio e a conoscere meglio anche gli altri personaggi del romanzo.

Potrei davvero dilungarmi tantissimo a descrivere tutte le situazioni che mi hanno fatto emozionato, divertire, mi hanno coinvolto, rattristato, fatto sospirare e innamorare ma voglio lasciare che questo romanzo rapisca anche voi in tutto il suo splendore! 
Che altro dire: leggetelo, leggetelo, leggeteloooo!!!
Voto: 

4 commenti:

  1. Io sono ferma a pagina 153, ma non perchè non mi piaccia, anzi è davvero bellissimo, ma sto partecipando ad una challenge, e sto dando la precedenza a quei libri... ma non vedo l'ora di finirlo!!

    RispondiElimina
  2. aaaarrrrgh..un'altro da leggere..ho letto sempre stupende recensioni....ma lo rinvio al nuovo anno..in quest'ultimo mese ho letto troppi distopici:)

    RispondiElimina
  3. una delle mie prossime letture.. dal tuo voto penso proprio mi piacerà! =)

    RispondiElimina