07 aprile 2013

In libreria KILL ALL ENEMIES di Melvin Burgess


Buona domenica cari lettori!
oggi vi voglio presentare un romanzo già presente in libreria. Sto parlando di una nuova pubblicazione Mondadori Chrysalide, Kill all enemies di Melvin Burgess. Un romanzo che parla di adolescenza, violenza e amore.
La prima cosa che mi ha colpito, oltre la trama, è stata la copertina che secondo me rispecchia in pieno i temi trattati nel romanzo.
Io sono molto curiosa e credo proprio che lo leggerò, e voi?
 
Pagine: 288
Prezzo: 16,00 euro
EditoreMondadori (collana Chrysalide)
Data di pubblicazione: 2 Aprile 2013

Trama
Cosa succede se non hai altro se non la tua rabbia cui attaccarti, per sopravvivere? E se il mondo che ti è intorno sembra frantumarsi a ogni passo? Billie sa di non avere più possibilità. Non può più farsi beccare in una rissa, a picchiare chiunque si azzardi a provocarla. Verrebbe cacciata dall’ennesima famiglia affidataria e dall’ennesima scuola. Invece ci ricasca. Chris da quattro anni si rifiuta sistematicamente di studiare, eppure è intelligente e sveglio. I professori non lo sopportano più e all’ennesima pro- vocazione lo sbattono fuori. Rob è considerato un violento, ma in realtà è il più indifeso di tutti, e sembra impossibile che riesca a usci- re dall’ennesimo guaio in cui si è cacciato. Tutti, là fuori, saprebbero raccontare la loro storia, infarcendola di bugie, però Billie, Chris e Rob non l’hanno mai veramente raccontata a nessuno. Ma la musica migliore viene quando sei costretto a improvvisare, e allora la rabbia diventa uno strumento da suonare, perché la cosa più difficile, a volte, è farsi ascoltare. Bruciante, crudele e diretto come un pugno in faccia o il primo amore: questo romanzo e i suoi protagonisti lasceranno il segno.

L'autore
Melvin Burgess, è un autore inglese nato nel 1954. Ha fatto molti mestieri e solo nel 1986 ha cominciato a scrivere, ottenendo subito un grande successo. È considerato uno dei migliori scrittori contemporanei per adolescenti, e non ha mai avuto paura di confrontarsi con gli argomenti più controversi. Ha vinto la Carnegie Medal e il Guardian Children's Fiction Prize.

Nessun commento:

Posta un commento