23 giugno 2013

Recensione LA LUCE NEL BUIO di Gioia Hallag

Lettori miei credo proprio che da domani tornerò nel pieno della mia attività e ho in mente tante sorprese per voi!
Quindi state connessi!

Oggi invece vi voglio parlare del romanzo d'esordio di Gioia Hallag, La luce nel buio (primo di una trilogia) che ho recensito per voi.
Trama
Iris ha origini orientali nasce a Ryad, in Arabia Saudita, e si trasferisce a Roma in tenera età. L'ottimo quadro scolastico la fa' entrare nella Primus Levi scuola privata.
Molteplici avvenimenti sconvolgeranno la sua vita, tant'è che si sposterà da Roma a Tokyo per mezzo di una borsa di studio. Iris sarà affiancata dalla comparsa di un ragazzo che con l 'aiuto della sua miglior amica Emily e la sua nuova compagna Alessia affronterà i vari cambiamenti.
Cambiamenti che hanno poco a che fare con l'adolescenza, cambiamenti motivati da una strana profezia.
Abbandonare Roma? Un grosso errore.

" Tokyo è il centro del male ”  Le confessa lo strano ragazzo.

La profezia stava per essere compiuta. I diciotto anni erano alla porta ed il risveglio dell' impronta sul seno era imminente. Iris ne ha una di antica discendenza diversa da chiunque altra .

Un accademia fuori dal comune, tecnologica ed insolita dedicata al risveglio dell'impronta e la pratica delle doti farà da sfondo alle varie vicende.
Alessia controllando la dote dell'acqua l'aiuterà a controllare le sue emozioni, fonte di tanto potere.
Riusciranno a beffare il fato oscurando il Buio per il risveglio della Luce ?
Per Iris questo è solo l'inizio. Patrick lo strano ragazzo che si ritrova in ogni luogo da Roma a Tokyo è anche l'angelo che si prenderà cura di lei salvandola di continuo. Tra i due s'instaurerà un legame dal potere più forte: L'amore.

Un angelo non può amare una strega. Non e' concesso.
Quando il Consiglio lo verrà poi a sapere farà di tutto per eliminarlo.
C'e' solo un modo per salvare Patrick dal suo destino. Ed Iris e' disposta anche al gesto più disperato. 

La mia recensione
Non so bene da che parte iniziare per scrivere questa recensione: la luce nel buio è un romanzo che dalla trama prometteva molto bene e di fatti la storia è davvero molto molto carina ma sviluppata male.
Secondo me il romanzo prima di essere pubblicato doveva essere sottoposto a un lavoro di editing per evitare insistenti ripetizioni ed errori di battitura.
Come ho già detto prima la storia è davvero molto carina e vede come protagonista Iris, una ragazza di Roma che grazie ai suoi successi scolastici riesce a ricevere una borsa di studio per andare a studiare in una prestigiosa accademia a Tokyo. 
Iris non sa bene se accettare o meno: se partisse dovrebbe abbandonare sua madre, suo fratello e la sua migliore amica Emily.
E' il destino, in un certo senso, a decidere per lei. La madre, infatti, muore in un incidente d'auto e lei decide di partire: non partirà sola però, perchè sia il fratello che Emily decidono di seguirla in questa avventura giapponese.
In aereo Iris incontra Patrick, un ragazzo che a Roma le aveva sconsigliato di partire accennando ad un potere che Iris stava per ricevere.

Arrivata a Tokyo tutto è perfetto: l'appartamento in cui vive, la scuola super tecnologica, esclusiva e gratificante, Patrick si scopre essere un allievo dell'accademia e, non avevo dubbi, si dimostra essere il  ragazzo più popolare della scuola, bello, intelligente e con occhi solo per Iris.
La ragazza fa nuove amicizie e raggiunta pochi giorni più tardi dal fratello e dalla sua migliore amica, Iris ha tutto ciò che desidera. Ha scoperto, inoltre che Patrick è il suo angelo custode e in lei si sta risvegliano un antico potere.

Purtroppo l'autrice non ha sviluppato la storia nel migliore dei modi: alcune parti del romanzo sono ripetitive mentre altre affrontate con troppa fretta. Infatti molte cose sono mal sviluppate e mi hanno lasciato un pochino disorientata.
Inoltre i personaggi sono tutti perfetti, con milioni di qualità e il tutto risulta un pochino irreale.
La fine lascia con la bocca asciutta: ho dovuto rileggere gli ultimi due capitoli per capire cosa fosse successo. 

A costo di sembrare ripetitiva voglio solo sottolineare che con una buona revisione e l'aggiustamento e l'ampliamento di alcuni passaggi potrebbero fare di questa storia un ottimo romanzo.
 Voto:

3 commenti:

  1. Un vero peccato, ero cosi curiosa!!! :(

    RispondiElimina
  2. incuriosiva anche me :(... passa per il mio blog, ho un premietto per te ^_^
    http://wwwilmiomondonerosubianco.blogspot.it/2013/06/nuovo-premiettoliebster-blog-awards.html

    RispondiElimina
  3. Lo avevo in Wish list, ma sono un po' stanca di lavori con pessimo o nullo editing. E' brutto penalizzare un romanzo per questo, lo so, ma sta diventando così abitudinaria la cosa che non importa quanto sia bella la storia, se non è anche scritta bene io per ora passo.

    RispondiElimina