17 febbraio 2014

Cover Wars #34

Volenti o nolenti oggi è lunedì, la settimana è cominciata ed è tempo di Cover Wars, nostra battaglia tra cover. Ogni settimana sceglierò un tema e pubblicherò 4 cover inerenti al tema proposto, dopo di che entrate in gioco voi, votando quella che preferite; la settimana successiva scoprirete la vincitrice.
Cari lettori tirate fuori il lato frivolo che c'è in voi e godetevi la vista delle cover di oggi.

Ma prima di annunciare il tema di questa settimana annunciamo la cover vincitrice della scorsa settimana (il tema era San Valentino).
16113791
Non mi resta che chiedervi: passato un bel San Valentino?

Il tema di questa settimana è ... GATTI!
Si perchè oggi è la giornata nazionale dei gatti. Quando l'ho saputo mi sono detta: perchè non dedicare questa puntata proprio a queste morbidose creature?
Ecco qui quattro magnifiche covers, votate la vostra preferita!
1) Io e Dewey di Vicky Myron con Bret Witter
Trama
A Spencer, un piccolo paese della provincia americana, un gattino di poche settimane viene lasciato da uno sconosciuto nella buca per restituire i libri della biblioteca pubblica. La bibliotecaria adotta il micetto e lo battezza Dewey. In poco tempo Dewey diventerà il beniamino di tutti i cittadini di Spencer che, da sospettosi e scorbutici, si trasformeranno in assidui frequentatori di libri. Dewey infatti possiede un dono: quello di comunicare con i disadattati, gli infelici, i bisognosi di affetto.

7461895
2) Il gatto e il cappello matto di Dr. Seuss
Trama
Che noia quando fuori piove! Che cosa fare da soli in casa? Il pomeriggio di Sally e di suo fratello viene sconvolto da uno strano gatto. Con uno strano cappello. Matto! Lo scompiglio arriva in casa, accompagnato da due Cosi. "Cosa?" Due Cosi, ho detto. E cosa fanno i Cosi? Tutto il contrario di quello che dice il pesciolino. Shhht, calma! Sta tornando la mamma... 

3) Le fusa di Oscar di David Dosa
Trama
Oscar è un gatto come tutti gli altri. O almeno così sembra al personale della casa di cura per malati di Alzheimer che, ancora cucciolo, lo adotta. Come tutti i gatti ama stiracchiarsi sotto il sole, rincorrersi la coda fino a impazzire.
Qualche volta si fa grattare dietro le orecchie, ma solo quando va a lui.
Eppure Oscar ha un dono eccezionale: "sente" quando un paziente sta per vivere i suoi ultimi momenti. Allora si avvicina dolcemente al letto, si accoccola ai suoi piedi e con le fusa fa compagnia a lui e ai suoi cari fino al momento del trapasso.
Anche David Dosa, medico scettico e tutt'altro che gattofilo, col tempo è costretto a mettere da parte la sua diffidenza di scienziato. E a rendersi conto che, qualunque sia la spiegazione di questi "poteri", quello che conta è il conforto che Oscar sa portare, come riesce a lenire la paura e il dolore di questo terribile momento.


10075399
4) Cleo di Helen Brown 
Trama
«Li guardiamo e basta» ripete Helen a Sam, suo figlio, per la centesima volta dal mattino. Lei e suo marito non sono tipi da gatto. Il fatto che stiano andando a vederne una cucciolata non vuol dire niente. Ma il ritornello si inceppa di fronte al colpo di fulmine tra il bambino e quel batuffolo di pelo nero: tra due mesi Cleo arriverà a casa loro.Pochi giorni dopo, però, tutto va in frantumi. Mentre si lancia a soccorrere un uccellino ferito, Sam viene investito da un’auto sotto gli occhi del fratellino Rob. La famiglia si cristallizza su quell’istante. Dopo, nulla più conta, figurarsi una gattina che doveva essere il regalo di compleanno di Sam. Quel gatto viene da un altro mondo, un mondo che non esiste più, e non ha senso che resti.Helen sta per rimandarla indietro, ma è proprio allora che lo vede. Vede suo figlio Rob sorridere, per la prima volta dal giorno dell’incidente.E se Cleo fosse un dono lasciato da Sam?Con il passo vacillante, il pelo gonfio, la coda a radar e un caratterino di tutto rispetto, nel giro di poche ore Cleo trasforma la casa in un territorio di caccia, dispensando guai, tenerezza e buonumore a non finire. E a colpi di fusa lenisce a poco a poco le ferite. La sua saggezza antica protegge per anni tutta la famiglia, accompagnandola nei molti cambiamenti che la aspettano. Perché da vera gatta sciamana sa che anche dietro l’angolo più buio può brillare la felicità.



Votate votate votate!!

14 commenti:

  1. 'Io e Dewey'.. Uno dei pochi libri che mi ha commossa al punto da farmi piangere!
    Voto la sua cover!

    RispondiElimina
  2. La copertina che mi attira di più è quella di Cleo!! :)))

    RispondiElimina
  3. Cleo *W* mi piace tantissimo!

    RispondiElimina
  4. OMMIODDIO!!!! Persa com'era a festeggiare la mia micia (in realtà no xD, l'ho solo spazzolata e dato degli snack) non mi ero accorta del tuo post! Che meravigliose creature i mici...miaoooo!!!
    Fra quelli che hai riportato ne ho letti 2, Io e Dewey e Cleo. Però devo dire che non mi hanno lasciato molto. Dello stesso genere (anche se a tema canino) Io e Marley...veramente stupendo!!! T^T

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimenticavo! Voto Le fusa di Oscar, anche se Cleo mi fa impazzire! *-*

      Elimina
  5. che carine *-----*
    io voto Le fusa di Oscar!

    RispondiElimina
  6. che carine *-----*
    io voto Le fusa di Oscar!

    RispondiElimina
  7. che belle. E poi devono essere degli ottimi libri.
    Io e Dewey .....voto questa- Ho letto questo libro ....super.

    RispondiElimina
  8. Sono tutte bellissime ma io voto Cleo, è troppo bellinooooooooo *.*

    RispondiElimina